4 dicembre 2016
Aggiornato 04:30
Cronaca giudiziaria

Ex sindaca di Genova Vincenzi condannata a 5 anni

La donna era accusata di omicidio colposo, disastro, falso e calunnia nel processo per l'alluvione nel capoluogo ligure del 4 novembre del 2011, in cui persero la vita sei persone, tra cui due bambine

GENOVA - Marta Vincenzi, ex sindaco di Genova, è stata condannata a 5 anni di reclusione dal giudice Adriana Petri nel processo per l'alluvione nel capoluogo ligure del 4 novembre del 2011, in cui persero la vita sei persone, tra cui due bambine.

Lei si dichiara innocente
L'ex primo cittadino era accusato di omicidio colposo plurimo, lesioni colpose, disastro colposo, falso e calunnia. Il pm Luca Scorza Azzarà aveva chiesto una condanna a 6 anni e un mese di reclusione. "Non è finita, per fortuna in questo Paese ci sono tre gradi di giudizio. Sono ancora più convinta di essere innocente». Lo detto Marta Vincenzi, dopo la condanna. Oltre all'ex sindaca, è stato condannato a 4 anni e 9 mesi l'ex assessore alla protezione civile del Comune di Genova, Francesco Scidone. La Corte ha inoltre riconosciuto ai familiari delle vittime un maxi risarcimento da diversi milioni di euro. Il padre di Serena Marco Costa ha commentato così la sentenza. "Questa sentenza ci da atto di questa responsabilità. Servirà anche per dopo, ai sindaci che ci sono adesso e a quelle persone che hanno responsabilità che devono sapere di avere e devono saperlo per tutelare loro stessi e i propri concittadini".